Guida allo smaltimento della resina della stampante 3D - Resina, alcool isopropilico

Roy Hill 17-05-2023
Roy Hill

La stampa 3D con la resina può essere piuttosto sporca con tutti i liquidi, come la resina e l'alcol isopropilico, ma ci si chiede come smaltirli correttamente. Questo articolo vuole guidare le persone nella giusta direzione per smaltire la resina e gli altri materiali coinvolti.

Per smaltire la resina non polimerizzata è necessario polimerizzare completamente tutti i liquidi o i supporti che si sono staccati dal modello, compresi gli asciugamani di carta. Una volta polimerizzata, la resina può essere smaltita come la normale plastica. Per l'alcol isopropilico, è possibile polimerizzare il contenitore, filtrarlo e riutilizzarlo.

    La resina non polimerizzata può finire nel lavandino o nello scarico?

    Non versare mai la resina non polimerizzata in un lavandino o in uno scarico, per non danneggiare le tubature dell'acqua o interrompere l'intero sistema. Alcune resine sono estremamente dannose per la vita acquatica e versarle non polimerizzate nello scarico o nel lavandino può danneggiare anche la vita marina.

    Se si dispone di resina non polimerizzata o di altri resti di essa che sono considerati rifiuti pericolosi, è necessario polimerizzarla correttamente prima di gettarla nella spazzatura.

    Se lo desiderate, potete recarvi presso i centri di raccolta rifiuti locali o chiamarli, che a volte inviano una squadra a ritirare il materiale e a smaltirlo correttamente.

    A seconda della località in cui ci si trova, alcuni servizi di smaltimento potrebbero non essere disponibili, per cui questa non è sempre un'opzione.

    È necessario conoscere il metodo giusto per smaltire la resina non polimerizzata. Alcuni produttori di resina riportano le raccomandazioni e le precauzioni per lo smaltimento della resina anche sulle etichette dei flaconi.

    Se avete un flacone di resina vuoto e dovete liberarvene, spruzzate una piccola quantità di alcol isopropilico e svuotate il liquido in un contenitore trasparente, quindi tenetelo sotto il sole per qualche tempo.

    Dopo la polimerizzazione, è possibile gettare le bottiglie nella spazzatura; le bottiglie devono essere ben tappate.

    Mi piace conservare i flaconi di resina nel caso in cui volessi fare una miscela di resina e conservarla correttamente. Si possono mescolare due resine per ottenere un nuovo colore, o anche per dare alla resina proprietà migliori, come la flessibilità o la resistenza.

    Come si pulisce una fuoriuscita di resina?

    Si dovrebbe cercare di pulire le fuoriuscite di resina il prima possibile per assicurarsi che non si indurisca nel punto in cui è stata versata.

    Assicurandosi di indossare i guanti, pulire la maggior parte del liquido assorbendolo e tamponandolo con carta assorbente. Pulire il resto della resina liquida con carta assorbente e acqua calda saponata.

    I guanti monouso in nitrile Wostar da 100 su Amazon sono un'ottima scelta con valutazioni molto alte.

    Evitare di usare l'alcol isopropilico per pulire la resina perché può danneggiare alcuni materiali della stampante 3D, come il coperchio superiore. Assicurarsi di non strofinare e spalmare la resina sul resto dell'area.

    Se non si è riusciti a raggiungere subito la fuoriuscita e la resina si è indurita, si può usare la spatola/raschietto di plastica per togliere la resina indurita dalle superfici.

    Per le aree o le fessure più difficili da raggiungere, si può provare a usare un cotton fioc e acqua calda e sapone per pulire.

    Se in qualche modo la resina si è depositata sulla vite di piombo, è possibile pulirla con alcool isopropilico, un tovagliolo di carta e dei bastoncini di cotone per entrare nel mezzo. In seguito, è bene ricordarsi di lubrificare la vite di piombo con un grasso PTFE.

    Ricordate di raccogliere tutti i fazzoletti di carta e i cotton fioc utilizzati e di lasciarli polimerizzare sotto una luce UV, in modo che siano sicuri da maneggiare e smaltire.

    Non si può sbagliare con gli asciugamani di carta Presto! del marchio Amazon, che hanno un'ottima valutazione e funzionano bene come si deve.

    Consiglio di ventilare ulteriormente la stanza aprendo una finestra, accendendo un aspiratore nelle vicinanze o attivando un purificatore d'aria.

    Se la resina viene versata sulla stampante durante il processo di stampa, seguire attentamente i passaggi indicati per evitare danni.

    • Scollegare il cavo di alimentazione della stampante
    • Rimuovere la piattaforma di costruzione e pulire la resina in eccesso con carta assorbente per evitare che coli in giro.
    • Pulire il serbatoio della resina con carta assorbente, quindi rimuoverlo, metterlo su carta assorbente e coprirlo in modo che i raggi UV non lo polimerizzino durante la pulizia.
    • Ora è possibile pulire correttamente la superficie della stampante con una combinazione di carta assorbente e acqua calda e sapone.
    • Per le aree più piccole della stampante 3D, i cotton fioc con acqua saponata calda dovrebbero funzionare abbastanza bene.

    Per evitare la fuoriuscita della resina, si raccomanda di non superare la linea di riempimento massima.

    Cercate di portare a termine il lavoro usando acqua e sapone, ma se dovete usare l'IPA, testate il solvente su una piccola superficie prima di usarlo sulla vostra stampante 3D.

    In questo modo si evita di danneggiare il materiale.

    È possibile smaltire la resina polimerizzata?

    La resina polimerizzata è considerata sicura per la pelle e può essere toccata a mani nude. È possibile gettare le stampe o i supporti fallati di resina polimerizzata direttamente nella spazzatura come gli altri rifiuti domestici.

    La resina è considerata pericolosa e tossica quando è in forma liquida o non polimerizzata. Quando la resina è dura e diventa completamente solida attraverso la polimerizzazione, allora è sicura e può essere gettata senza ulteriori trattamenti.

    Aria e luce sono la combinazione ideale per polimerizzare la resina. La luce del sole è un ottimo modo per polimerizzare le stampe, soprattutto in acqua.

    Se non avete mai sentito parlare di polimerizzazione in acqua, date un'occhiata al mio articolo Curing Resin Prints in Water? How to Do It Properly (Polimerizzare le stampe in acqua: come farlo correttamente): è un ottimo modo per ridurre i tempi di polimerizzazione, rafforzare i pezzi e migliorare la qualità della superficie.

    Procedura per lo smaltimento della miscela di resina e alcol isopropilico

    La procedura semplice e facile per smaltire la resina è la seguente:

    • Prendere il contenitore di resina e predisporre la lampada UV
    • Esporre il contenitore alla luce UV o lasciarlo alla luce del sole.
    • Filtrare la resina polimerizzata
    • Smaltirlo nella spazzatura quando si solidifica.
    • Riutilizzare l'alcol isopropilico o versarlo nello scarico.

    Se cercate un alcool isopropilico di alta qualità, vi consiglio di acquistare il Clean House Labs 1-Gallon 99% Isopropyl Alcohol su Amazon.

    Tutti gli oggetti che entrano in contatto con la resina non polimerizzata durante questo processo devono essere esposti ai raggi UV e smaltiti con il contenitore della resina.

    Se l'isopropile è mescolato alla resina, deve essere trattato allo stesso modo. Quando si mette l'IPA mescolato alla resina sotto il sole, l'IPA dovrebbe evaporare e si otterrà la resina polimerizzata da gettare nella spazzatura.

    È simile a quando si riutilizza l'IPA con la resina: si polimerizza la resina e la miscela di IPA, poi si filtra l'IPA in un altro contenitore e lo si usa di nuovo.

    L'IPA non miscelato con la resina può essere versato tranquillamente nel lavandino o nello scarico. Si tratta di una sostanza piuttosto aggressiva, quindi è possibile diluirla con acqua e utilizzare una buona ventilazione.

    Roy Hill

    Roy Hill è un appassionato appassionato di stampa 3D e guru della tecnologia con una vasta conoscenza di tutto ciò che riguarda la stampa 3D. Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, Roy ha imparato l'arte della progettazione e della stampa 3D ed è diventato un esperto delle ultime tendenze e tecnologie di stampa 3D.Roy ha conseguito una laurea in ingegneria meccanica presso l'Università della California, Los Angeles (UCLA) e ha lavorato per diverse aziende rispettabili nel campo della stampa 3D, tra cui MakerBot e Formlabs. Ha anche collaborato con varie aziende e privati ​​per creare prodotti stampati in 3D personalizzati che hanno rivoluzionato i loro settori.A parte la sua passione per la stampa 3D, Roy è un avido viaggiatore e un appassionato di outdoor. Gli piace trascorrere il tempo nella natura, fare escursioni e campeggiare con la sua famiglia. Nel suo tempo libero, fa anche da mentore a giovani ingegneri e condivide la sua ricchezza di conoscenze sulla stampa 3D attraverso varie piattaforme, tra cui il suo famoso blog, 3D Printerly 3D Printing.